An Incredible Story

Dovevo andare da quel psichiatra ogni settimana.
Lui non sapeva cosa avevo veramente. Diceva che non ero pazzo e che non avevo niente. Diceva che non c’è una cosa come la pazzia.

Gli dissi che avrebbe dovuto provare a fare la fila allo stadio di Brentford il sabato mattina. Pensavo che la sua idea cambiasse. Mio padre la pensava diversamente.Diceva che io cambiavo come il tempo.Ora correvo all’impazzata, ora svenivo: schizofrenia la chiamava.Pazzia la chiamava mia madre.Si stava bene a casa.Mio padre andava fuori di testa ogni singola notte e quando la televione finiva le trasmissioni, s’infuriava uscendo come un demente, per farsi il giro dei bar prima che chiudessero.  Poi tornava a casa con abbastanza roba da “sfamare” ed abbeverare un esercito.-Le torte di anguilla, che buone-.Il mio amico Dave, diceva che le anguille vivevano nelle fogne e avevano lo stesso gruppo sanguigno dei ratti. Mio padre ne doveva essere pieno, ne mangiava cinque cartoni al giorno. Penso che lui non abbia mai afferrato che io mi facevo cinque blister da dieci di pillole al giorno.               Ad ogni uno la sua fogna.Il litigio cominciò quando ritornai dai disordini di Brighton.Avevo dovuto dormire sulla spiaggia, ed mio vestito era rovinato. Mi dispiaceva veramente del mio vestito dei miei indumenti, anche se pensavo che a mia madre non le importasse niente.Mia madre è terribile quando beve, anche se solo un pò di guinness lei subito cede.Come le dicevo che stavo per partire, cominciava a rallegrarsi come se la guerra fosse appena finita. Io ero una montagna di paranoia.Andare li a Brighton non era molto divertente con poche pillole in testa,ma lo puoi farlo essere mandandone giù di più quando cominci a sentirti male.Ma è soltando peggio alla fine.Pillole usate per farmi vedere cose, mi facevano sentire grande come TarzanPenso che ho visto la vita com’era _ la gente non poteva nascondersi da mequando,…. diciamo saltavo?.Ma quando c’era il down, quello rimaneva il segnoun segno da farti scoppiare dal ridere.Si diceva che una paranoica è una persona che ha un’idea veramente buona.Quello ero io quando SALTAVO.Stavo bene dopo aver dormito … saltando. Avevo il mio vestito pulito e lavato alla lavanderia automatica che ci misi due ore per farlo, pensai che la macchinetta dei soldi mi stesse imbrogliando.Poi presi anche il biglietto del parcheggio nel caso dovessi dormire malamente. Passai due shifose notti in una macchina sportiva andando su e giù sgommando con le ruote e con la sirena della polizia che ci veniva dietro.La seconda notte vidi che attaccavano sul muro dell’Odeon i posters per il concerto dei WHO.Era un gruppo Mod, loro piacevano ai mods. Ma loro, non erano esattamente mod ma i mods facevano come loro. Il batterista aveva una batteria che suonava con le braccia ondeggianti per aria _un lunatico. Il cantante era un tipo duro con dei vestiti molto buoni.Se non lo avessi visto da vicino,avrei detto che i suoi capelli erano di oro, vero oro voglio dire non come pitturati d’oro.Il chitarrista era secco con un grande naso che s’attorcigliava come un mulino a vento. Lui ha scritto delle buone canzoni sui mods, ma non ne sembrava uno di loro. Il bassista era una risata.Non ha mai fatto niente.Niente.Qualche volta sorrideva ma il sorriso era solo di mezzo secondo, poi mutava ancora improvvisamente.Il mio amico Dave diceva che lui sorrideva molto di più a sua sorella… penso che fossero fidanzati.Il suo basso suonava come un maledetto V10. Suonavano roba della Talma e R’B.  Sarebbero stati perfetti se avessero suonato pure Blue Beat.Conoscevo uno di loro prima che i loro dischi entrassero in classifica, così li andai a trovare.Stavano bene. Fracassavano tanta attrezzatura da non crederci.Quando suonavano li giù al Marquee, usavano attrezzatura molto buona, costosa.Ricordo che suonai un pò il basso e un pò la batteria e gridai ad uno di loro che stava girato “cosa stai facendo!?”e lui come si è ricordato di me, disse lavorando!!Odio quando la gente dice questo.Naturalmente, io non stavo lavorando.Stavo ancora alla fottuta scuola.Il giorno seguente trovai un lavoro come uomo delle pulizie.Ora capisco perchè la gente dice “lavorando !!” Nove sterline per un’intera settimana.Sporco lavoro.Mi rimpiazzarono.Lo lasciai dopo due giorni con due sterline in tasca…. Due persone della ditta, parlavano di scioperi.C’è una parte in me che odia la gente; come sono inutili e stupide certe persone.Esse stanno sedute ed agitate mentre il mondo intero peggiora.Guerre e battaglie.La gente sta morendo di fame di inedia.Ecco cosa mi fa sfasciare la mente, le cose. La mia convinzione, mi diceva che io non ero pazzo.Non so cosa è che mi piace dentro di me ma sono stufo di dormire sotto il cielo.Il tempo era terribile. Notti piovose e quello era.Incominciò a piacermi l’idea di ritornare a Brighton, avevo ancora circa duecento pillole che mi tenevano compagnia.Stavo così giù che mi distrussi sotto la pioggia. Non ci posso pensare.Camminai verso la stazione lungo i binari attraverso il fiume. Avevo voglia di gettarmi contro il treno, ma non lo feci. Presi subito circa venti pillole e un biglietto di prima classe per Brighton e viaggiai per la terra dei miei sogni.Sul treno feci alcuni pensieri, al primo volevo bestemmiare guardando le persone sedute sotto di me nel vagone (io ci galleggiavo).Presi altre pillole.Brighton è un posto fantastico. Il mare è cosi spendido che tu vuoi tuffarci ed annegarci dentro, poi li mi sentivo veramente anonimo, qualcosa come quando stai nell’esercito.C’erano mod dappertutto, ovunque tu guardavi c’erano i mods.Alcuni di loro erano così vestiti bene da farti star male.E li cominciarono gli scontri e i disordini.Non mi sono mai sentito di bestemmiare nel vecchio senso della parola, ma stavo per farlo quando la lasciai.Presi una nave. Ho sempre desiderato andare su una nave sul mare.Avevo solo altre poche pillole che mi servivano per dopo ma mi sentii di fare la bravata.Le presi tutte e il pontile della nave diventò trampolino per i tuffi, si, come quello che i messicani usano per buttarsi dalle rocce.

Avevo anche lei sulla spiaggia a Brighton.Due in un sacco a pelo, è davvero intimo, confortevole fino a che non hai finito. Comunque lei stava con il mio amico Dave.Lui! …. Lei mi stava appiccicata dietro dopo che eravamo usciti dal dancing.La ragazza del mio migliore amico è tutta la’.Me la feci.Era il colmo.

Ma il vero colmo doveva ancora venire.:The Who

Annunci

2 pensieri su “An Incredible Story

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...