Totò, Peppino e la malafemmena

TOTÒ -Giovanotto carta, calamaio e penna, su…

Hai scritto “dunque”?avanti, scriviamo! Dunque…

PEPPINO – Eh, un momento no?                                                      

TOTÒ– E comincia su!

PEPPINO – Carta… calamaro… e penna… oh.. la carta…

TOTÒ – Signorina! …Signorina!!

PEPPINO – E… dove sta?
TOTÒ – Chi è?
PEPPINO
– La signorina!
TOTÒ– Quale signorina?
PEPPINO – Hai detto: “Signorina!”
TOTÒ
– È entrata la signorina?
PEPPINO – E che ne so?                                                                                     

TOTÒ– Signorina!
PEPPINO – Avanti!
TOTÒ – Animale! “Signorina” è l’intestazione autonama! Della lettera! Oh! Signorina,…
(Peppino butta via il primo foglio di carta e comincia a scrivere su uno nuovo)
TOTÒ – E vabbè… non era buona quella signorina lì?
PEPPINO – Vabbè…
 

TOTÒ– Signorina, veniamo… veniamo.. noi… con questa mia a dirvi
PEPPINO – …con questa mia a dirvi
TOTÒ– A dirvi… una parola! Addirvi!
PEPPINO – … addirvi una parola…

TOTÒ che
PEPPINO – che
TOTÒ– che
PEPPINO – che…
TOTÒ– che è?
PEPPINO – Uno? Quanti?
TOTÒ – Che è?
PEPPINO – Uno che?
TOTÒ – Uno che?
PEPPINO – Che è? Che è?
TOTÒ – Scusate se sono poche
PEPPINO – Che è?
TOTÒ – Che è? … Scusate se sono poche… Ma settecentomila lire, punto e virgola, noi ci fanno specie che quest’anno, una parola, questanno c’è stato una grande moria delle vacche,
PEPPINO – … una grande …
TOTÒ – Come voi ben sapete. Punto!
PEPPINO – Punto.
TOTÒ – Due punti!
PEPPINO – … due punti…

TOTÒ – Ma sì… fai vedere che abbondiamo… abbundandis in abbundandum.
Questa moneta servono… questa moneta servono… questa moneta servono a che voi vi consolate… Aoh… scrivi presto!
PEPPINO – …con insalate…
TOTÒ – … Che voi vi consolate…
PEPPINO – … ah, avevo capito “con l’insalata”…
TOTÒ – E non mi far perdere il filo che ce l’ho tutta qui!…
PEPPINO – Eh, avevo capito coll’insalata!
TOTÒ – Dai dispiacere … dai dispiacere che avreta… che avreta?… che avreta!! Eh già, è femmina… è femminile… che avreta perché… perché?

PEPPINO – Non so…
TOTÒ – Che non so?
PEPPINO – Perché che cosa?
TOTÒ – Perché che?
PEPPINO – Ahh!
TOTÒ – Dai dispiacere che avreta perché!!! È aggettivo qualificativo no?
PEPPINO – Ah, io scrivo…
TOTÒ – Perché dovete lasciare nostro nipote che gli zii che siamo noi medesimo di persona… Ma che stai facendo una faticata? S’asciuga il sudore…!
PEPPINO – Ehh…
TOTÒ – Che siamo noi medesimo di persona… vi mandano questo, perché il giovanotto è studente che studia… che si deve prendere una Laura

PEPPINO – … Laura
TOTÒ Laura! … che deve tenere la testa al solito posto, cioè sul collo.
PEPPINO – … sul collo.
TOTÒ – Punto, punto e virgola. Punto e un punto e virgola!
PEPPINO – Troppa roba!
TOTÒ
– Ah, lascia fare! Che dicono che noi siamo provinciali… siamo tirati…

PEPPINO – Ma è troppo…
TOTÒ – Salutandovi indistintamente… salutandovi indistintamente… sbrigati! Salutandovi indistintamente … i fratelli Caponi. Che siamo noi. Questa … apri una parente. Apri una parente e dici: “che siamo noi”. I fratelli Caponi. Hai aperto la parente?
PEPPINO – Mm.
TOTÒ – Chiudila!
PEPPINO – Ecco fatto
TOTÒ – Vuoi aggiungere qualcosa?
PEPPINO Un “senza nulla a pretendere” non c’è?

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...