Marco Travaglio: “Caro Matteo, tuo Silvio”

  • Caro Matteo, è un po’ che non ci sentiamo, ma sai di essere sempre nel mio cuore, come il figlio che avrei voluto avere. Perciò non ti nascondo l’amarezza e il senso di abbandono di questa dolorosa estate che – pensa un po’ – mi fa rimpiangere persino quella di due anni fa, quando – è vero – fui condannato in Cassazione, ma – per dio – mi sentivo ancora vivo e vegeto. Avevo appena fatto rieleggere l’amico Giorgio,che in cambio mi aveva riportato al governo e mi dava istruzioni per avere la grazia. Avessi dato retta a lui e ai miei figli, anziché a Ghedini, l’avrei chiesta,quella benedetta grazia.

  • E l’avrei ottenuta, magari al prezzo di rinunciare al seggio in Senato, che tanto ho perso comunque. E mi sarei risparmiato i nove mesi a Cesano Boscone durante i quali, mentre io cambiavo il catetere ad anziani molto più giovani di me, tu mi portavi via tutto: governo, sottogoverno, Rai (senza spostare una pianta), deputati e senatori, perfino Bondi e Signorini, ma soprattutto il mio programma, le mie idee, i miei slogan, le mie balle, e ora pure Verdini. Tutti dicono che sono in crisi per la mia età: ma quale vecchio, lo sai benissimo che in questo Paese meraviglioso io vincerei le elezioni anche da morto. Il problema è un altro,e ha il tuo nome e la tua faccia: tu dici e fai tutto quello che dicevo e facevo io, e io non so più cosa dire e cosa fare. La mattina mi sveglio e preparo una bella dichiarazione per l’Ansa; poi apro i giornali, o vado su Gogol (Google, ndr) e su Squitter (Twitter, ndr) e scopro che l’hai già fatta tu.

  • Sei diventato talmente bravo, cioè talmente Berlusconi, che anticipi persino i miei pensieri.

  • Penso che è ora di farla finita con lo Statuto dei lavoratori e il divieto illiberale di licenziare a piacere, ora che non c’è più Cofferati con i suoi 2 milioni di operai in piazza: ma non finisco il pensiero che tu hai già presentato il Jobs Act. Mi viene in mente una bella riforma della scuola,con un bel preside padrone che metta in riga tutti quegli insegnanti comunisti e sessantottini, ma in quel mentre mi dicono che l’hai già fatta tu. Mi butto sulla riforma della giustizia, un evergreen quattro stagioni che si porta su tutto: meno indagini e meno intercettazioni,senza contare quel fastidioso fenomeno dei cittadini armati di telefonino che registrano e filmano mazzette e porcate varie. E tu che fai? Mi previeni in combutta con Angelino, che è sempre stato duro di comprendonio, ma qualcosa di mio gli è rimasto, a sua insaputa,dopo tanti anni di servizio in camera.

  • Azzardo con i miei: riproviamo con la responsabilità civile dei giud…, ma quelli mi interrompono: “Niente da fare, capo, l’ha già fatta Renzi”. Mi tuffo a capofitto sulla riforma della Costituzione, per dimezzare il Parlamento che fa solo perder tempo, e su quella elettorale per garantirci un nuovo Parlamento di nominati tipo Porcellum. Mi bloccano di nuovo: “Capo, niente da fare, Renzi ci ha battuti sul tempo”. Vabbè, dico io:allora diciamo basta agli arresti dei parlamenta… Non finisco la frase e Dudù si mette ad abbaiare,poi l’interprete traduce dal duduese: “Padrone, il Pd ha appena salvato Azzollini dalle manette per bancarotta fraudolenta e associazione per delinquere”. Ma, dico io, non era quello che voleva pisciare in bocca a una suora? “Sì – abbaia lui – ma questo a Renzi l’ha reso simpatico”.

  • Che mi resta da dire, di originale? Ah, sì, ecco: la legge Gasparri è perfetta per tenere la Rai sotto il controllo dei partiti, cioè ferma immobile mentre Mediaset si fa gli affari suoi.Gasparri,che stacorrendo per riportare l’osso lanciato da Dudù, mi viene incontro trafelato: “Silvio, lascia perdere, il ministro Padoan ha appena detto che la mia legge non si cambia,anzi si usa per rilottizzare la Rai.Carini come sono,per mandarla definitivamente a ramengo han dato un programma a Riotta”. Ideona: facciamo un decreto salva-Ilva. Niente, l’hai appena fatto tu, l’ottavo.

    renzi e putin
    AHAHAHAHAHAHAHAHAHA!!!
  • A corto di idee nuove, rifaccio cose già fatte. Tipo andare da Putin. Ma quello risponde: “Ora c’è qui Matteo, magari un’altra volta”.Prenoto un volo per Gerusalemme,così vado alla Knesset travestito da israeliano e da Abu Mazen camuffato da feddayin: è un mio classico,funziona sempre.Mi bloccano alla frontiera: “L’ha appena fatto Renzi, uguale sputato”

  • . Allora penso: ora lo frego col partito unico della nazione e – mi voglio rovinare – anche col sindacato unico. Poi scopro che l’hai già detto tu. Ultimo tentativo, o la va o la spacca: “Meno tasse per tutti e via l’Imu sulla prima casa”. Come dici? Sei già arrivato anche lì? E che palle, ma allora dillo. Manca solo che tu faccia ministre le tue amichette.

infosannio

berlusconi-renzi-nazareno“Caro Matteo, è un po’ che non ci sentiamo, ma sai di essere sempre nel mio cuore, come il figlio che avrei voluto avere – scrive Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano – Perciò non ti nascondo l’amarezza e il senso di abbandono di questa dolorosa estate che – pensa un po’ – mi fa rimpiangere persino quella di due anni fa, quando – è vero – fui condannato in Cassazione, ma – per dio – mi sentivo ancora vivo e vegeto. Avevo appena fatto rieleggere l’amico Giorgio, che in cambio mi aveva riportato al governo e mi dava istruzioni per avere la grazia”.

L’editoriale di Marco Travalgio:

Caro Matteo, è un po’ che non ci sentiamo, ma sai di essere sempre nel mio cuore, come il figlio che avrei voluto avere. Perciò non ti nascondo l’amarezza e il senso di abbandono di questa dolorosa estate che – pensa un…

View original post 686 altre parole

Un pensiero su “Marco Travaglio: “Caro Matteo, tuo Silvio”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...