Giulio Regeni e la verità

Lo slogan “Verità per Giulio Regeni” è un appello sacrosanto che in tanti, prima tra tutti la coraggiosa madre, sostengono per manifestare contro il suo martirio in Egitto.Omicidio Giulio RegeniEppure sappiamo che quella verità non verrà mai rivelata. Questo solo perché è già chiarissima, ma non potrà mai riconoscerla né il regime egiziano, che dovrebbe autoaccusarsi di un crimine orrendo, né il governo italiano, che, basandosi su una semplice ipotesi senza prove, anche se è l’unica possibile, dovrebbe rompere i suoi rapporti commerciali e politici – al momento ottimi – con l’Egitto del generale Al Sissi. D’altra parte il giovane ricercatore è stato così barbaramente ucciso proprio perché i suoi aguzzini, agenti della polizia politica segreta egiziana, hanno agito sicuri dell’impunità. Per questa gente il fatto che fosse un giovane italiano non significava nulla. Come i sanguinari colleghi argentini o cileni degli anni ’70 il loro compito era estorcergli – a qualunque costo – notizie sull’opposizione al regime, fargli confessare indirizzi, rivelare nomi. Cose che in un normale interrogatorio non avrebbe mai detto, per cui è stata considerata “necessaria” la tortura più estrema e la morte. L’atroce paradosso è che le sevizie sono diventate progressivamente più terribili proprio perché il soggetto, come è molto probabile nel caso di Regeni, non aveva nulla di importante da rivelare. In questi casi chi nega di sapere quello che davvero non sa diventa per i torturatori solo un ostinato che rifiuta di collaborare.

Alla fine l’unico beffardo “privilegio” concesso a Regeni è stato che il suo corpo non è sparito, come quello di tanti altri egiziani, ma gettato per strada. Un gesto calcolato che ha permesso di interrompere le fastidiose ricerche di amici, parenti e autorità italiane, e aprire la via a ogni tipo di depistaggio: dall’incredibile “incidente stradale” alla misteriosa “vendetta privata”, fino alla assurda tesi del sequestro da parte di banditi, opportunamente già uccisi, con il ritrovamento dei suoi documenti a casa di uno dei morti. Giulio Regeni messinscenaCarte che ovviamente gli agenti del regime custodivano dal momento stesso del rapimento. Come per tutte le stragi e gli assassini di Stato dobbiamo dunque continuare a chiedere la verità, ma con l’amara certezza di conoscerla già.

Annunci

4 pensieri su “Giulio Regeni e la verità

  1. Pretty component to content. I just stumbled upon your website and in accession capital to claim that I
    acquire actually loved account your blog posts. Any way I will
    be subscribing for your feeds and even I achievement you get admission to
    consistently fast.

    Mi piace

  2. Questo è chiaro per te e per me ma non potrà mai essere chiaro per la famiglia. La cosa più ignobile è che mentre la mamma parlava a Bruxelles ai rappresentanti della così detta Europa, Renzi abbia attraverso i “Social” inviato quella rassicurazione invece di stare zitto e chiedere perdono!!!

    Liked by 1 persona

    1. L’abominevole ragazzo di Rignano, lo conosciamo tutti il problema è ma quando finirà tutto questo? Al referendum uhmmm non credo. Anche se a vincere saremo noi del ‘NO’ il Matteone/burlone ne dirà/farà una delle sue (tipo regalare depilatori ascellari oltre alle dentiere) così che i vari giornalisti (Meli Rondolino etc etc) e il giglio magico gli chiederanno di restare ancora.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...